NADAL A PAVIA NATALE A PAVIA
(A. Gambini, S. Negroni)
‘Dr la riva dal Tesin Dietro (lungo) la riva del Ticino
disfrul da b e d’asnn "scongelato" (riscaldato) dal bue e dall’asinello
l’altra not l’ nas ‘l fi l’altra notte nato il figlio
d Gisp "al barchir" di Giuseppe "il barcaiolo"
ed Marita "lavandra" e di Maria "lavandaia"
tt’i curan, tt’i curan a fgh cera. tutti corrono, tutti corrono ad ammirarlo.
I rigi cun la galna Gli anziani con la gallina
i magt cun la calcna i muratori con la calcina
pr tr in p una mša c per erigere una "mezza" casa
e i lavandr cui pt lav e le lavandaie con i pannolini lavati
pescad cun i capsl pescatori con i cavedani
e intnt ariva adr a la riva ed intanto arriva vicino alla riva
da Beregurd ................. da Bereguardo ....................
grnd e grss un mutai grande e grosso un barcone
cun insima tri ger con sopra tre addetti al trasporto della ghiaia
che cun l’r ch’jn ‘a stt bn che con l’oro che sono riusciti
da f s a cribi i sabin da "fare su" (raccogliere) setacciando i sabbioni
fria d bs in tl Canl a furia di buche nel Ticino
hn trt insma hanno "buttato insieme" (riunito)
tt insma, tri regl. tutti insieme, tre regali.
E jn cunvnt d pas ala storia E sono convinti di passare alla storia
e d sparts un tc ad glria e di dividersi un pezzo di gloria
ma ‘l fiulin, lur i sn n ma il bambino, loro non sanno
che i regl gh’ji giam: che i regali li ha di gi:
un barc pr fs d c un barc per farci da casa
e ‘l Tesin, al Ns Tesin ed il Ticino, il Nostro Ticino
pr fs nin. per farsi cullare.