DAI MÍVAT (DISBROIAT) (S. Negroni) DAI MUOVITI (SBRĎGLIATI)
Dai m÷vat, fÓ no gni mat Dai muoviti, non fare diventare matti
l’Ŕ un’ura chÓ t’aspÚtam Ŕ un’ora che ti aspettiamo
suma giam˛ strÓch siamo giÓ stanchi
dai m÷vat, pńr piasŔ dai muoviti, per favore
sń fŔt un m˛ lý dentńr alura ciÓ sń ghŔ. cosa fai ancora lý dentro, allora cosa c’Ŕ.
Li lÚ, mi lÓ s˛ giam˛ Quella lý, io lo so giÓ
la tira pńr al lˇng e p÷ la ghÓ stÓ no "tira" (le cose) per il lungo e poi non ci sta
dai dˇnca fÓ no ‘l cuiˇn dai, dunque non fare il "coglione"
stÓ no lý tńmme un pirla non stare lý come un pirla
a fÓt menÓ ‘l turˇn. a farti "menare il torrone" (prendere in giro).
Disbr˛iat, ch’anduma, disgÓrbiat, dis-ciulat Sbr˛gliati, che andiamo, sgÓrbugliati, svegliati
disbr˛iat, ch’anduma, disgÓrbiat, dis-ciulat. Sbr˛gliati, che andiamo, sgÓrbugliati, svegliati.
Sa gh’Úntra in dŔ ch’ńs vÓ Cosa c’entra dove si va’
cumincia a saltÓ in machina, p÷ ńs vŔdarÓ incomincia a "saltare" (salire) in macchina, poi si vedrÓ
sicŘr che s’aspÚtam ti certo che se aspettiamo te
stum chi a gratÓs i bal restiamo qui a grattarci le balle
dumńn sum’amm˛ chi domani siamo ancora qui
pasuma da FuntanŔla passiamo da Fontanella
da cl’ura chi ńd solit ghŔ rivÓ ńncń ‘l CŔla a quest’ora di solito Ŕ arrivato anche il Cella
stasera l’Ŕ Venerdý stasera Ŕ Venerdý
pasuma dńl BuschŔt che inc÷ l’Ŕ propi ‘l dý. passiamo dal Boschetto, che oggi Ŕ proprio il giorno.
Disbr˛iat, ch’anduma, disgÓrbiat, dis-ciulat Sbr˛gliati, che andiamo, sgÓrbugliati, svegliati
disbr˛iat, ch’anduma, disgÓrbiat, dis-ciulat. Sbr˛gliati, che andiamo, sgÓrbugliati, svegliati.
Sń tr÷vi un m˛ la m˛ra ńggh’era l’altra sera Se trovo ancora la "mora" che c’era l’altra sera
sum bˇn da curgh’adrÚ fin ‘a Vughera sono capace di correrle dietro fino a Voghera
se invece deciduma da tirÓ matýna se invece decidiamo di "tirare" mattina
pasuma ńl CunflŘÚnt e dopu a la Cantina. passiamo al Confluente e dopo alla Cantina.
Disbr˛iat, ch’anduma, disgÓrbiat, dis-ciulat Sbr˛gliati, che andiamo, sgÓrbugliati, svegliati
disbr˛iat, ch’anduma, disgÓrbiat, dis-ciulat. Sbr˛gliati, che andiamo, sgÓrbugliati, svegliati.
Dai m÷vat, fÓ no gni mat Dai muoviti, non fare diventare matti
l’Ŕ un’ura chÓ t’aspÚtam Ŕ un’ora che ti aspettiamo
suma giam˛ strÓch siamo giÓ stanchi
dai m÷vat, pńr piasŔ dai muoviti, per favore
sń fŔt un m˛ lý dentńr alura ciÓ sń ghŔ ? cosa fai ancora lý dentro, allora cosa c’Ŕ ?
Disbr˛iat, ch’anduma, disgÓrbiat, dis-ciulat. Sbr˛gliati, che andiamo, sgÓrbugliati, svegliati.
Disbr˛iat, ch’anduma, disgÓrbiat, dis-ciulat. Sbr˛gliati, che andiamo, sgÓrbugliati, svegliati.