SCAPPA RAGAZZO,SCAPPA!

 

Vieni con noi figlio d’Apuleia,*

vieni con noi che sta calando la sera;

cala la nebbia, per noi una manna,

spegne le stelle e copre la luna.

 

Vieni con noi e non avere paura,

siamo come i gatti cresciuti fra le boscaglie,

siamo compagni della biscia e della zanzara.

La strada questa , ti porter a Cremona,

 

Attento! Hai sentito cavalli in lontananza,

senti queste voci , il Milanese che avanza.

Guarda sti bastardi , cani traditori !

Dai allunghiamo il passo, avanti cavalieri !

 

Scappa ragazzo scappa,

la tua salvezza sull’altra sponda;

se al tuo cavallo fa paura il Lambro,

colpiscilo con gli speroni e con la frusta.

Scappa ragazzo scappa!

L’impero l che ti aspetta,

il culo a bagno ed i piedi nel fango

ma il tuo cuore di leone,

allora forza scappa !

 

Ho lasciato a casa il cappello di paglia e la vanga

ed ho messo in testa l’elmetto e nella mano la lancia;

la mia spada da ragazzo era di legno,

adesso lucida e brilla sotto le stelle.

 

Attenti ragazzi sono qui ! Adesso ci siamo!

Sotto ragazzi addosso che se la fanno sotto,

il primo che mi viene a tiro gli bucher la pancia

“ Milanese bastardo , mi ha ferito ad una gamba !”

 

Scappa ragazzo………

 

Ragazzi ne arrivano ancora,  come un fiume in piena,

rabbiosi come la fame del lupo e della iena.

Sento nelle mie vene la furia dell’eroe

“ Salvo ormai il nostro imperatore ! “

 

* Il ragazzo d’Apuleia ( Puglia ) il giovane Federico II , che con l’aiuto dei Pavesi , il 22 luglio 1212,  riusc a sfuggire all’agguato tesogli dai Milanesi ( nemici storici di Pavia ) vicino al Lambro. Passando per Cremona raggiunse infine Aquisgrana  dove fu proclamato imperatore il 5 dicembre.