UNA LNA INS (S. Negroni) UNA LUNA COS
Mišri i pass Misuro i passi
e v via adr ai mr e vado via rasentando i muri
eviti i sss evito i sassi
p m’incnti e st l in p poi mi incanto e resto l in piedi
taca i vedrn vicino alle vetrine
l’era mei, mei di ins era meglio, meglio di cos
al d che ‘m spegiavi e t vedivi nc t. quel giorno che mi specchiavo e (ti) vedevo anche te.
S f ch adss Cosa faccio qui adesso
m dumndi ins par m mi domando da solo
roba da mtt cose da matti
‘g h ben altr’inc da f ho ben altro oggi da fare
mei mv al pss meglio muovere (alungare) il passo
e f svlt e fare alla svelta
che la sira l’ariva precisa che la sera arriva precisa
e l’ un altar d cal v …… ed un altro giorno che va’ ……
Ma ‘gh una lna ins binc Ma c’ una luna cos bianca
suspesa in meš ai c sospesa in mezzo alle case
la primavera intl’aria la primavera () nell’aria
dim ti m’s f. dimmi tu come si fa’.
E alura s Ed allora s
lasi che la nivula lascio che la nuvola
l’m vegna adoss mi venga addosso
e mi cl respiri chi ed io che la respiro qui
fin dentr’ai oss fino dentro alle ossa
nc se, mi ‘lla s e tla st nc t anche se, io lo so e lo sai anche tu
che ‘l cr p m far ml. che il cuore poi mi far male.
Ma gh’ una lna ins grnd Ma c’ una luna cos grande
‘me int cansn d’amur come nelle canzoni d’amore
la primavera la sveglia la primavera sveglia
fiur e dulur. fiori e dolori.
Sar la musica cl’m sna in tsta Sar la musica che mi suona in testa
a fm sbagli str ? a farmi sbagliare strada ?
O sar al cr ch’l diša mai basta e al v O sar il cuore che non dice mai basta e va’
par la s str ? per la sua strada ?
Ma gh’ la lna cl’m guarda Ma c’ una luna che mi guarda
apena dadr a un vel appena dietro ad un velo
la primavera m surprenda la primavera mi sorprende
e al sgn al s f ver. ed il sogno si fa’ vero
S’agh’ una lna ins binc Se c’ una luna cos bianca
suspesa in meš ai c sospesa in mezzo alle case
la primavera intl’aria la primavera nell’aria
l’ ins ch’as f. cos che si fa’.