GRIMULA (S. Negroni) BRUTTA FACCIA
T’aggio ‘ncuntrata appena l’ata sera Ti ho incontrata appena l’altra sera
‘ncopp o’ Ponte ‘nfunno a Strada Nuova sul Ponte (Coperto), in fondo a Strada Nuova
femmena accuss bella cumm’ a primmavera femmina cos bella come a primavera
nun l’aggio vista maie primma d’allora. non l’ho mai vista prima d’allora.
Io te chiammaie, tu te vultaste Io ti chiamai, tu ti voltasti
io te parlaie, tu me rispunniste io ti parlai, tu mi rispondesti
io nun capiv ma chisto nun ha impurtanza io non capivo ma questo non ha importanza
chillo che conne infunn la sustanza quello che conta, in fondo, la sostanza
e pparole toie nun me danno urmaie chi pace e le tue parole non mi danno ormai pi pace
e risiento ‘a voce toia che me dice ............... e risento la tua voce che mi dice .............
Che grimula ct ght Che brutta faccia che hai
sat st gni gi cun la piena sei venuto gi con la piena
l’ l tt intap, ma al spsa cl tarnga l tutto vestito a festa, ma puzza da morire
l pr vn sembra uno
tai gi cul sglt "tagliato gi" (modellato) con la scure
o mama che strmisi oh mamma che spavento
mumenti ‘m la fo’ ads. per poco me la faccio addosso.
Ma io che liggevo dint all’uocchie tuoie Ma io che leggevo dentro agli occhi tuoi
capve chillo che tu vulive dicere capivo quello che tu volevi dire
quanno se parla o’ linguaggio dell’ammore quando si parla il linguaggio dell’amore
nun servono e’ pparole p capire non servono le parole per capire
io te guardaie, tu me guardasti io ti guardai, tu mi guardasti
io te sorrisi e tu ..... rideste io ti sorrisi e tu ..... ridesti
ma ‘a passione me cogliette all' impruvviso ma la passione mi colse all’improvviso
e ch’a mano sfiorai il tuo bel viso e con la mano sfiorai il tuo bel viso
t’alluntanaste quasi impaurita ti allontanasti quasi impaurita
e me diceste chiano ‘cu fatica ............. e mi dicesti piano con fatica ............
St a sgrs me un pangild Sei grezzo come un pane giallo
tgna gi i mn dal nichel tieni gi le mani "dal nichel" (da me)
v a tucgh la sutna vai a toccare la sottana
a una quai vgia garamplna a qualche vecchia decrepita
ti st vn cgh pisa a f al tin tu sei uno a cui piace fare il furbo
cl cumincia cun la ppla che incomincia dai capelli
par p pas ai galn. per poi passare alle gambe
Scusame ammore, Scusami, amore
io nun vulev’cogliere io non volevo cogliere
‘o fiore dell' innocenza toia il fiore dell’innocenza tua
ma damme almeno un altro appuntamiento ma dammi almeno un altro appuntamento
pecch io nun pozzo sta senz’e te perch io non posso stare senza di te
chi’e nu mument. pi di un momento.
Ma v a sbtat in canl !!!! Ma vai a buttarti in Ticino !!!!
visto ct st giam chi arnta ..... visto che sei gi qui vicino .....
a tv bn ggh’ no chi l m m ti va’ bene che non c’ qui mio marito
cl fa’ l tbt m Drupi che fa l’idraulico come Drupi
l’er bn da trt a tc. era capace di farti a pezzi.
Aggio capito amore chillo che v dicere "toc": Ho capito, amore, quello che vuol dire "toc":
"toc" o’suonno d’ campana "toc" il suono della campana
e a chisto suonno io t’aspietter ed a questo suono io ti aspetter
amore mio, t’aspietter amore mio, ti aspetter
al tocco io t’aspietter !!! ed al rintocco io ti aspetter !!!